lunedì 21 novembre 2016

Letture in corso: "I pilastri della terra".



Non avevo mai avuto il coraggio di acquistare un libro di Ken Follett. 

Mi intimoriva il numero delle pagine, circa mille, di ogni suo libro. 

Dopo diversi tentennamenti e la lettura di giudizi più che positivi, mi sono decisa ad acquistare i "Pilastri della Terra".

Sono passate già due settimane che ho iniziato la lettura, prima lentamente presa da mille cose, ma adesso non vedo l'ora di finirlo! Sono arrivata intorno alla pagina 250 e per arrivare a 1030 ne mancano appena . . . 800! 

Cosa scrivere su Follett che non sia stato scritto? Trovo la sua scrittura amabile e piacevole, non per niente complicato da capire, anzi, descrive i personaggi e luoghi come se fossimo lì dentro le parole, ad ammirare i luoghi e i paesaggi.


Non bisogna dimenticare il ruolo del traduttore perché un libro possa avere il giusto riconoscimento in un Paese diverso dal suo, il traduttore deve essere molto abile a carpire le varie sfaccettature linguistiche, un esempio di libro tradotto male? “Farenehit 451” di Ray Bradbury. Forse ho comprato una edizione troppo economica, ma ho trovato il testo macchinoso e difficile da “digerire”.


A presto! 

Chiara D'Amico

PS:
Segui Libri, che passione! anche su: