mercoledì 28 novembre 2018

28 novembre 1520: Magellano raggiunge l'Oceano Pacifico

Si ricorda oggi il navigatore Ferdinando Magellano che il 28 novembre 1520 raggiunse l'Oceano Pacifico dopo aver superato lo stretto che porta il suo nome.



Lo Stretto di Magellano si trova nel Cile e separa l'estremità meridionale dell'America Latina con la Terra del Fuco e con le isole Dawson, Clarence, Santa Inés.

Magellano attraversò questo stretto fra il 21 ottobre e il 27 novembre 1520. Il navigatore lo nominò Stretto di Tutti i Santi, ma questo nome non fu mai usato e venne ricordato con il nome del suo scopritore. 







Ferdinando Magellano
Ferdinando Magellano nacque nel 1480 a Sabrosa, Trás-on-Montes in Portogallo, navigò per il suo paese in Estremo Oriente: India e  Isole della Sonda. Si dedicò agli studi cosmografici.

Successivamente, spinto dall'amco Francisco Serrao, ideò di raggiungere le isole Molucche, facendo rotta da Occidente verso Oriente. La spedizione fu finanziata dalla Spagna, anche se Carlo I di Spagna nutrisse dei dubbi a riguardo. Nel 1519 salpò da San Lucar al comando di una flotta composta da 5 imbarcazioni e 265 uomini.
L'attraversata dell'Oceano Atlantico fu difficile e, dopo mesi di dura navigazione, giunse davanti alle coste del Sud America. Ci fu una ribellione degli equipaggi che Magellano domò con energia. Dopo aver esplorato attentamente la costa, Magellano raggiunse l'imbocco dello Stretto che porta il suo nome, anche se lo aveva nominato de Todos Santos. Ci volle un mese, dal 21 ottobre al 27 novembre 1520, per giungere finalmente sull'Oceano Pacifico.

Proseguì la navigazione con solo 3 navi, dato che una era naufragata e l'altra aveva abbandonato.
Il nuovo oceano fu battezzato con il nome di "Pacifico" per via dei venti e delle correnti favorevoli.
Dopo una lunga attraversata nel 1521, arrivò all'isola di Guam, nelle Marianne, e sull'isola filippina di Maetan dove morì durante uno scontro con gli indigeni.
La spedizione, nonostante la morte di Magellano e composta ormai da una sola nave, riuscì a ritornare a San Lucar nel settembre del 1521.

Il viaggio di Magellano fu il primo attorno al mondo. Non era molto conveniente per i fini commerciali essendo il tragitto troppo lungo, ma fu importante per aumentare la conoscenza di parti del globo ancora ignote attraverso le relazioni di viaggio, fra le quali la più ricca di particolari è quella redatta dal vicentino  storiografo Antonio Pigafetta che prese parte all'esplorazione con altri 23 connazionali.

Antonio Pigafetta