lunedì 2 maggio 2016

"Nottetempo" di Mariateresa Belardo

"Nottetempo"
di Mariateresa Belardo
Alessandro Polidoro Editore, 2015
pp. 92
€ 10,00
ISBN: 978-88-98707-17-1



Nottetempo è il racconto «di una possibile exit strategy a un amore che lacera le midolle fin nelle fibre più profonde». 
In queste pagine, Mariateresa Belardo porta in scena «un io scisso, franto in due attori di un dialogo che è in realtà un monologo»: mente e cuore, ragione e sentimento si inseguono fino all’alba, per lasciarsi dietro la notte cupa - eppure dolce - del Dolore.

E capire finalmente cosa resta dell’Amore.

«Penso che i punti di forza di Nottetempo siano i cambi di ritmo e le dissonanze, che tendono verso un certo lirismo per poi ridiscendere nella semplicità del gesto quotidiano, oltre che lo svolgersi della vicenda nell’unità temporale (una notte), secondo una forma stilistica che mi ha ricordato molto lo Ian Mc Ewan di Amsterdam. Un racconto in chiave molto personale di una malinconia, delle assenze che diventano presenze, di un tragitto che ognuno di noi ha percorso (pur se con modalità differenti, almeno in apparenza…) 
Mi è piaciuta la forma scelta per raccontare la malinconia dolce della protagonista.» Cristiano Esposito - Cultore della materia presso le cattedre di Ermeneutica leopardiana e Scritture e linguaggi dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli.

  • Biografia dell’autrice
Mariateresa Belardo è nata a Napoli nel 1971, sotto il segno della Vergine. Caporedattore della testata web Il Domenicale News, ha poche certezze nella vita, e fra queste i suoi due bellissimi figli. Nel tempo libero legge moltissimo, va al cinema e cucina. Le sue specialità: lasagne, caprese e scorzette d’arancia al cioccolato (molto apprezzate in redazione; temute più dei suoi articoli…)
Al momento vive in provincia di Caserta, ma non ha ancora ben chiaro dove metterà radici e cosa farà da grande. Inutile precisare che cerca l’amore in ogni dove, è testarda ma nonostante ciò piace, almeno agli amici. Ma - se rinasce - porrà delle condizioni.



PS:
Segui Libri, che passione! anche su: