lunedì 7 maggio 2012

"Il trono vuoto", di Roberto Andò.


"Il trono vuoto"
di Roberto Andò
Bompiani, 2012
pp. 180, brossura
€ 17,00


Il segretario del maggiore partito d'opposizione, Salvatore Oliveri, dopo il crollo dei sondaggi e l'ennesima, violenta, contestazione, decide di scomparire e si rifugia in segreto a Parigi, in casa di un'amica che non vede da trent'anni, Danielle, una segretaria di edizione conosciuta all'epoca in cui ancora accarezzava l'idea di fare il regista. Unici, e parziali, depositari della scomoda verità, Andrea Bottini, collaboratore di Oliveri, e Anna, la moglie dell'onorevole, in realtà continuano ad arrovellarsi sul perché della fuga e sulla possibile identità di un eventuale complice. Bottini propone ad Anna di usare il fratello gemello di Oliveri, un filosofo geniale segnato da una depressione bipolare, come sostituto dello scomparso. Il filosofo si trasferirà a casa sua, avviando uno strano mènage e un'involontaria carriera politica. Un affresco sull'Italia di oggi, una favola filosofica sulla politica e i misteri della vita.


"Ho partecipato alla presentazione del libro a Le Ciminiere, a Catania, il 5 maggio scorso in occasione dell'apertura del "Maggio dei Libri - Catania 2012". Ho ascoltato attentamente l'autore e ne sono rimasta estasiata".