martedì 12 febbraio 2013

La rinunzia di Papa Benedetto XVI al Soglio di Pietro

Papa Benedetto XVI

Ho saputo delle dimissioni del Papa ieri mattina, intorno alle 11, leggevo la home di FB. Pensavo fosse uno scherzo e sono andata ad aprire l’ANSA dove ne ho avuto conferma.
Sconcerto, incredulità hanno preso posto nel mio cuore e nel cuore di tutti i Cristiani.
Come cristiana mi sento smarrita e ho visto nel Papa grande sofferenza. Penso che, cristiani e non, credenti o meno, dobbiamo al Papa grande rispetto e sostenerlo con la preghiera in questo suo calvario.
Inoltre, sempre ieri, ho visto e letto, anche sulla mia stessa bacheca di persone che poi ho bannato, commenti negativi, pieni di odio e di mancanza di rispetto per il ruolo che Papa Benedetto XVI ricopre e per la persona, per l’uomo che è.


Che ci crediate o meno, che sia giusto o sbagliato, che siamo più o meno incivili è vostra libertà, ma non trovo sia giusto che si possa offendere e mancare di rispetto ad una figura importante, qual è il Papa, alla figura che per noi Cristiani coincide con il Vicario di Cristo sulla Terra. Quale sia il vostro credo, non ha importanza, e come io ho rispetto di tutti e di tutti, pretendo che anche voi facciate lo stesso. Gli si deve r
ispetto perché ha avuto l'umiltà di non sentirsi capace ad affrontare le tribolazioni interne ed esterne della Cristianità di oggi.
Stiamo vivendo un momento storico di crisi e tribolazioni e spero che questo possa giovare un rinnovamento interiore e spirituale, perché nella crisi c'è sempre il seme della rinascita.

Chiara D'Amico