giovedì 15 maggio 2014

La Storia al Giro: l’Abbazia di Montecassino

L'arrivo della sesta tappa del 97esimoGiro d'Italia, ha dato spunti per ricordare un anniversario funesto per l’Abbazia di Montecassino, bombardata il 15 febbraio 1944 dagli Alleati, quest’anno ricorre, infatti, il 70° anniversario. 
Nel febbraio del 1944 gli Alleati bloccati sul fronte di Cassino dai tedeschi che avevano costituito la “linea Gustav”, tra i monti Aurunci e la Valle del Liri.


Abbazia di Montecassino distrutta dai bombardamenti degli Alleati del febbraio 1944
Fonte immagini: Google
Il generale francese Juin aveva suggerito di aggirare la linea di difesa nazista, ma la decisione di distruggere l’abitato di Cassino nonché il monastero fondato da San Benedetto nell'Alto Medioevo fu presa dal generale Bernard Freyberg, comandante del corpo d’armata neozelandese, con una manovra “a tenaglia”. Infatti, secondo Freyberg i tedeschi avevano installato una postazione di artiglieria, all'interno della stessa abbazia, con cannoni di grosso calibro. Il generale Mark Clark, comandante della 5° armata americana, protestò per la decisione presa dato che considerava il bombardamento un vero e proprio atto vandalico, uno schiaffo alla storia e all'importanza del simbolo della regola benedettina “ora et labora”.

Infatti, non vi era nessuna postazione di artiglieria pesante all’interno del monastero, ma soltanto pochi soldati tedeschi posti di guardia dato l’accordo fra le autorità italo-tedesche secondo il quale i soldati avrebbero potuto stare all'esterno dell'Abbazia, ma nessuno sarebbe potuto entrare.
Il generale neozelandese Freyberg pur di perpetuare il suo intento nel distruggere il monastero portò al maresciallo inglese Harold Alexander, comandante del 15° gruppo di armate in Italia, una traduzione sbagliata di un’intercettazione radio di una dialogo fra i soldati nazisti “Wo ist der Abt.? Ist er noch im Kloster?”, tradotta erroneamente in “Dov'è il gruppo? È sempre nel convento?”.
Il generale neozelandese sbagliò la traduzione dell’abbreviazione abt. nel femminile tedesco abteilung cioè battaglione. La giusta traduzione, però, era abate. Questo fatale errore grammaticale di attribuzione di genere femminile anziché maschile decretò la distruzione del monastero.
Il generale "Gertie" Tuker, comandante della 4° divisione indiana, trovò in una bancarella di Napoli un libro del 1879 che descriveva nei minimi particolari la costruzione dell’Abbazia, con mura profonde 30 metri e alte 5 metri e scrisse al generale Freyberg che poteva essere abbattuta solo con bombe ad altissimo potenziale distruttivo. 
La mattina del 15 febbraio 1944 dagli aeroporti di Napoli e Foggia, alle 9,  si levarono in volo 142 quadrimotori B17 che giunti a Montecassino lanciarono sull'Abbazia e su Cassino 450 tonnellate di bombe esplosive ed incendiarie ad alta quota. Successivamente, altri 118 B17 colpirono ripetutamente il Monastero. A questi seguirono i bimotori B25, B26 e A36, per un totale di 776 aerei impiegati nell'attacco a Montecassino e, nonostante, le 1.250 tonnellate di bombe aeree le mura dell’abbazia resistettero quasi interamente. Durante il bombardamento trovarono la morte  numerosi civili, che avevano cercato invano rifugio all'interno del monastero benedettino.

Puoi leggere il mio articolo "Montecassino tra Giro e anniversari da non dimenticareanche su Cyclingtime.it cliccando qui
Buona lettura! 


PS:
Segui Libri, che passione! anche su Facebook (gruppo e pagina), Google+ (gruppo e community e profilo personale), Twitter (ChiaraDAmico1) e Tumblr (chiaradamico1)