mercoledì 1 dicembre 2010

Le mie recensioni: "Non Adesso" di Stefano La Monica.


“Non Adesso”
di Stefano La Monica
Altrerighe, 2009
pp. 162, brossura
€ 11,00


“Non Adesso” è un libro forte come un pugno sullo stomaco, che ruota attorno al protagonista seduto su un cornicione, dove analizza la sua vita, i suoi amori Lei e lei, le aspettative di scrittore emergente.
É un libro ben scritto, con una scrittura scorrevole e coinvolgente, che porta il lettore ad immedesimarsi con il protagonista, a soffrire con lui e sperare per lui, che tutto si risolva per il meglio.

Belle sono le parole dette dal padre al protagonista riguardo il diverso amore che si prova per i figli e per la moglie: “[...] Se verrà il giorno in cui metterai al mondo un figlio, capirai che non esiste amore più grande di quello. Noi ormai siamo legati da un amore lungo e resistente, ma ci lasciamo travolgere solo da quello che proviamo per tutti voi tre. [...]”.
Il protagonista, come scrittore emergente, chiedeva soltanto poco tempo a questo o a quell’editore, pochi minuti la sera affinché questi leggessero il suo componimento, ed è il concetto di tempo che viene fuori in uno dei suoi dialoghi con il commissario: “[...] Guardi giù, commissario. Guardi tutta questa città. É piena di gente che non è riuscita a dedicarmi nemmeno due ore del proprio tempo. E dire che a loro avevo chiesto pochi minuti ogni sera e non due ore tutte insieme, come sto chiedendo a lei. [...]”.
Il personaggio principale, durante una pausa di riflessione, pensa alla sua vita, a come questa vita la viviamo, la sprechiamo, invece di trarne il massimo da ogni cosa e da ogni situazione: “[...] É dura voltarsi e guardare tutta quella vita che ci lasciamo alle spalle. Una successione di giorni che, come perline, possono più o meno brillare. Anche se, come disse qualcuno, i giorni veramente belli della vita sono solo 4 o 5. Tutti gli altri fanno volume. [...]”.

Stefano La Monica è nato a Roma nel 1969 e risiede a Brindisi dal 1976. É stato un bravo studente fino al secondo anno di liceo, dopo di che la pallacanestro lo ha distolto da qualsiasi forma di cultura. Fortuna volle che, un giorno, un’amica gli regalasse un libro...
E meno male che quel libro lo ha letto, perché così ha avuto la curiosità di cimentarsi come scrittore.
“Non Adesso” primo romanzo di Stefano La Monica, un romanzo da leggere tutto d’un fiato e che lascia il segno.
“Vorrei lasciare il segno di me sui muri di una notte d’estate...” (Pooh).


Chiara D'Amico